Fai da te

Curare il tuo Bonsai è fondamentale!

La traduzione letterale dal giapponese è “Albero in Vaso”, queste semplici parole racchiudono un significato più esteso, cioè coltivazione, cura ed educazione dell’albero, sigilla l’unione dell’arte con la natura.

Il Bonsai è un albero in miniatura coltivato in una ciotola, anche dopo vari anni le dimensioni non superano i 50-60 cm d’altezza, grazie alla pratica di tecniche svariate, ma sempre nel rispetto della pianta.

E’ molto importante trovare un punto adatto dove collocarlo, nella stagione invernale è più consigliabile tenerlo all’interno, mentre in primavera si può posizionare il vaso in luogo soleggiato, per favorire la ripresa produttiva.

In estate scegliete sempre una zona ombreggiata, per evitare l’essiccamento del substrato, sistemate nel sottovaso acqua mista a ghiaia, l’evaporazione nel tempo garantirà alla pianta una buona percentuale costante di umidità.

Dalla primavera all’autunno quando la pianta si “risveglia”, è opportuno fare regolari annaffiature, il terreno deve essere sempre umido, evitando però il ristagno di acqua.

Nel periodo di ripresa vegetativa, la Concimazione deve essere costante, ogni 15- 20 giorni, si potranno utilizzare concimi a rilascio lento specifici per bonsai.

Per avere un esemplare oltre che in salute, anche gradevole dal punto di vista estetico è bene potarlo periodicamente con la tecnica di Formazione o quella di Mantenimento.

La prima si pratica nel periodo di riposo quando la stasi vegetativa evita pericolose perdite di linfa dai tagli, ovvero in autunno quando la pianta ha perso le foglie e mette meglio in evidenza la struttura ed ha lo scopo di correggere o conservare la forma iniziale scelta.

Il secondo tipo di taglio si effettua in primavera, durante il periodo di ripresa vegetativa sia per ridar più vigore alla pianta, sia per far si che le foglie abbiano dimensioni più piccole.

Il Rinvaso avviene ogni anno nel periodo che va dalla caduta delle foglie al rigonfiamento delle gemme e prima che spuntino quelle nuove, se si tratta di un esemplare giovane, invece ogni 2 o 3 per quelli con più anni, in questa fase si provvederà a dare una potata di 1/3 anche alle radici.

L’Avvolgimento con il filo d’alluminio si fa in primavera, si parte dai rami più grossi per terminare con quelli più sottili e serve per dare agli stessi la forma desiderata.

La Moltiplicazione può avvenire per semina dei frutti in terreno umido fino alla germinazione o per talea, si asporta un ramo giovane con un po’ di corteccia e la si mette a dimora.

Il Bonsai è una pianta in continua evoluzione, è un’opera d’arte mai finita, la sua coltivazione insegna come rapportarci con la natura attraverso il trascorrere del tempo.

La cura bonsai è fondamentale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *